DSC_0411.jpg
gs2.jpg
DSC_0813.jpg
DSC_0411.jpg

MAIN STAGE


SCROLL DOWN

MAIN STAGE


theGINday 2017

Le aspettative spesso rischiano di inficiare la realizzazione dei risultati attesi. Così non è stato nel caso di theGINday 2017: 96 i corner espositivi presenti, per un totale di più di 300 etichette di gin fra le quali spicca un numero sempre maggiore di prodotti italiani, esempio lampante dell’influenza ormai quinquennale della manifestazione sulla gin industry in Italia.

theGINday 2017 è riuscito a confermarsi come risposta definitiva del Made in Italy ad una diffusione worldwide di un trend di mercato affermato e sulla cresta dell’onda.

gs2.jpg

THE GIN SCHOOL


THE GIN SCHOOL


Il pubblico, che ha superato i 3400 ingressi, ha potuto fare la spola fra l’area tasting - dedicata alle aziende e ai prodotti in degustazione – e le tre aree riservate agli speech delle Guests di theGINday.

Main Stage e Seminar Room – che hanno coinvolto personaggi di spessore quali Erik Lorincz, Joanne Moore, Nick Strangeway, Fulvio Piccinino e Dario Comini - sono stati affiancati per la prima volta in assoluto da The Gin School: vere e proprie lezioni frontali tenute, previa registrazione, a piccoli gruppi di fortunati fruitori che hanno potuto così interagire e collaborare con i vari Maestri alternatisi sul palco. Da Londra gli italianissimi Agostino Perrone con Giorgio Bargiani e Luca Cinalli, oltre che il romano Leonardo Leuci, senza trascurare un bartender di fama internazionale quale Marian Beke ed il guru dei Master Distillers, Mr. Desmond Payne.

DSC_0813.jpg

SEMINAR ROOM


SEMINAR ROOM


Successo confermato anche grazie a Gin Cocktail Week che ha portato avanti lo spirito di theGINday... per altri 7 giorni!